Mustang 5.0 GT: test drive e caratteristiche tecniche

Signori oggi vi mostriamo dei veri muscoli americani!!! Eccola qui “Sua Maestà” Ford Mustang, la vera regina delle auto sportive che solo nel 2016 ha totalizzato oltre 150.000 unità vendute, con un incremento del 6%, rispetto al 2015.

 

Un successo inarrestabile sia a livello mondiale che in Europa.

Infatti questa iconica ‘muscle car’ del blu ovale è da sempre l’auto sportiva più amata nel mercato globale, anche da noi europei che già dalla sua prima apparizione nel nuovo continente sognavamo e speravamo di poterla ammirare presto nelle nostre strade.

L’attesa è durata più di mezzo secolo, ma il sogno si è finalmente realizzato l’anno scorso.

È grazie proprio alle vendite in Europa, Ford Mustang si aggiudica il primato dell’auto sportiva più venduta al mondo.

Questa meraviglia su 4ruote ha conquistato anche il cuore di tutti gli appassionati sui social network, superando gli 8,4 milioni di like solo su FaceBook, ed è ora disponibile in 140 diversi paesi, in tutti i continenti.

I numeri parlano chiaro, la “Mustang mania” ha contagiato anche l’Europa che durante questo primo ‘intero’ anno di vendite ha registrato 15.300 Mustang complessive, 500 delle quali acquistate da clienti italiani.

Design
Prima del nostro giro facciamo una breve panoramica dell’estetica. Devo ammettere che le generazioni che preferisco sono la prima, la seconda e la quinta ma anche quest’ultima serie non scherza: è affascinante, imponente e anche chi non la conosce si gira a guardarla e ammirarla
Mantiene inalterato il suo DNA puro; porta con se tutta la tradizione delle precedenti serie ma espresse in chiave più moderna. Questo per adeguarsi anche ai gusti della clientela europea, molto esigente dal punto di vista dell’estetica, rimanendo però ben radicata alle sue origini da pura musclecar americana.

Come tutte le americane anche la mustang presenta dimensioni generose lunghezza di 478 cm, larghezza 191 e un’altezza di 139 cm.
E come una vera sportiva che si rispetti muso lungo e coda corte. Le linee si presentano decise e muscolose soprattutto nel lungo frontale con questi gruppi ottici taglienti e il cavallino al centro della griglia a nido d’ape; più in basso fendi nebbia tondi, un’ampia presa d’aria centrale e uno spoiler che aiuta a ridurre l’attrito con l’aria.

Di lato una linea di cintura molto alta, un passo di 272 cm Pneumatici (di serie) 255/40 e cerchi da 19”.

Dietro il grande badge GT al centro del portellone, due grandi gruppi ottici segnati da LED verticali e sotto il diffusore aerodinamico, l’estrattore d’aria e i due terminali di scarico cromati che accentuano il sound del V8.

Sulla convertibile il bagagliaio ha una capienza minima di 332 litri mentre la Fasback ne offre 408.

Ford Italia ci ha messo a disposizione la versione 5.0 GT scoperta, tinta grigio scura che la rende ancora più cattiva e interni puramente sportivi sedili in pelle bicolore rossi e neri con cuciture a vista e traforati per la ventilazione sia con aria calda che fredda (utilissima durante le caldissime giornate della nostra prova).

A bordo della GT più amata al mondo il divertiremmo non si fa attendere e inizia subito dall’accensione, premendo il tasto bianco Start.

Il sound è grintoso, ma non bisogna farsi prendere troppo dalla foga perché altrimenti il carburante dura veramente poco anche a causa del serbatoio di soli 61 litri.

È il meglio che c’è sul mercato, si vende alla grande e i risultati parlano chiaro: è la sportiva più venduta la mondo, è un motivo ci sarà andiamo a conoscerla meglio.

Su strada
Come detto prima il muso è lungo e alto e per vedere bene la strada di fronte bisogna alzare la seduta, ma per chi vuole una guida più grintosa consiglio di tenere il sedile più basso regolando anche il volante.
Il volante è dotato di un servosterzo elettrico con software che regola la rigidità in base al programma selezionato: Normal, Comfort, o Sport.
Il comportamento è ottimale sia in entrata che uscita dalla curve grazie allo schema delle sospensioni McPherson a doppio snodo davanti, ancorato a un telaio ausiliario che ne incrementi la rigidità, e schema multilink al retrotreno.
Un pò di italianità la ritroviamo nell’impianto frenante Brembo con dischi anteriori da 380 millimetri 330 al posteriore.

Motore
Tanta perfezione tecnica per sostenere la potenza del poderoso propulsore 5.0 V8 da 421 CV a 6500 giri al minuto ed una coppia motrice di 530 Nm, abbinato al cambio automatico sei marce con paddle dietro il volante.
La Mustang con questa motorizzazione è una vera belva; infatti con questo 5 litri 5.0 V8 bialbero a 32 valvole, si fa sul serio e i 421 Cavalli li danno una tale energia da renderlo davvero grintoso anche ai bassi regimi.
Garantisce prestazioni esaltanti: 0-100 km/h in 4,8 secondi e velocità massima di 250 km/h, con un consumo medio dichiarato dalla casa di 12,8 l/100 km, ma durante la nostra prova abbiamo decisamente consumato di più.

Tanta potenza ma se viaggiamo in modalità Normal e senza affondare il pedale, anche con questo V8 La Mustang diventa un cavallino docile e dal sound del motore pacato.

Interni
Un abitacolo da vera sportiva ma spaziosa; i sedili sono in pelle dall’accurato disegno anatomico e l’abitabilità posteriore è buona per due adulti.
Davanti ai sedili anteriori una plancia a sviluppo orizzontale rivestita da un inserto centrale in alluminio satinato dove si trovano tre bocchette di ventilazione tonde e cromate.
Anche la strumentazione presenta due quadranti tondeggianti mentre il sistema di infotainment è basato sul sistema Sync 2 con schermo touch screen da 8” , molto intuitivo che funge anche da retrocamera e include un sistema audio a 9 altoparlanti.
Il volante presenta una buona impugnatura, tre razze e comandi del computer di bordo e dello stereo.
Sono pochi gli spazi per disporre gli oggetti, infatti oltre al bauletto davanti al passeggero anteriore, si trovano piccoli vani nelle portiere e uno nel tunnel centrale.

La capote si apre elettricamente in soli 7 secondi, dopo aver sganciato la manovella di blocco, ma solo da fermi.

In conclusione dopo una lunga prova di quasi 20 gg devo dire che nn mi stancherei mai di guidarla, è una vettura dall’animo speciale che continua ad attirare amanti da tutto il mondo anche perché il prezzo per questa supercar dalle prestazioni strabilianti è di soli 50 mila euro in questa variante decappottabile.

Leave a Comment