Jaguar Land Rover ricicla l’alluminio rottamato da utilizzare per la produzione di nuovi veicoli

Jaguar Land Rover Automotive incrementa l’impiego dell’alluminio riciclato nella produzione delle scocche dei propri veicoli, per abbattere gli sprechi e le emissioni carboniose.L’investimento del progetto, denominato Reality, è di 2 milioni di sterline e permette di riutilizzare a circuito chiuso tutto l’alluminio proveniente dalla rottamazione dei veicoli.

Come? Trasformandolo in scocche da impiegare per le nuove vetture del costruttore britannico. Lo scopo di questa strategia è quindi economico ma anche ecologico, visto e considerato che permette di produrre meno emissioni. Grazie al progetto Reality, infatti, Jaguar Land Rover ha recuperato più di 75.000 tonnellate di scarti di alluminio, riutilizzati poi nella produzione 2016/2017.

In pratica, grazie a questo riciclo a circuito chiuso, i materiali di scarto diventano materie prime di assoluto valore. E di assoluta qualità, tanto da essere equiparato all’alluminio “nuovo”.

Il progetto Reality si basa sul programma Realcar che reimpiega, a circuito chiuso, le migliaia di tonnellate di scarti di alluminio provenienti dai processi produttivi. Oggi anche l’alluminio proveniente da altre fonti, inclusa la rottamazione dei veicoli può essere riqualificato e “rinascere” nella produzione di nuovi veicoli. I vantaggi sono anche in termini di sostenibilità poiché tale riciclo permette di risparmiare il 95% dell’energia richiesta per la produzione di alluminio primario.

Le innovazioni nelle tecnologie di selezione e separazione applicate ai flussi degli scarti automobilistici, daranno impulso anche ad altri settori fra i quali quelli degli imballaggi e delle costruzioni. Fra i partner di Jaguar Land Rover, lo specialista Axion che si è unito al progetto per sviluppare le tecnologie di selezione atte al recupero di alluminio riciclato di alta qualità; Axion Recycling, Innovate UK, Novelis, Norton Aluminium, Brunel University London, WMG University of Warwicke Innoval Technology.

 

 

Leave a Comment