Nuova Hyundai Kona: il B-SUV che non c’era (test drive di Formulamotori.it)

Quella da noi provata è la versione 1.6 T-GDI 177CV 4WD 7DCT nell’allestimento Style, il top di gamma. Un benzina con trazione integrale, quindi, forse un po’ impegnativo per le abitudine degli italiani ma, sicuramente, molto interessante…

Il primo compact SUV di Hyundai, quello pensato e realizzato per gli europei, ha dimensioni importanti (lunghezza 4.16 m, larghezza 1.80 m, altezza 1.58 m) che le permettono non solo di essere molto bilanciata ed equilibrata, ma anche di mettere a disposizione del cliente un abitacolo di tutto rispetto. Esteticamente la nuova Hyundai Kona è originale, bella, compatta, con linee pulite e semplici. Quindi, non ci siamo stupidi quando, più di una volta, siamo stati avvicinati da persone curiose che, vedendola, ci hanno chiesto informazioni in merito alla Kona e… sono stati molto di più i “mi piace” che i “non mi piace”.

Esteticamente. La parte più interessante è il frontale dove spicca la nuova calandra che, a detta di molti, segna l’inizio di quel linguaggio stilistico che contraddistinguerà le Hyundai del futuro. In pratica, le Hyundai di domani assomiglieranno molto alla Kona di oggi. Il frontale, infatti, cattura l’attenzione grazie alla “Cascading Grille” – cifra stilistica del design Hyundai – e al nuovo gruppo ottico su due livelli, con luci diurne a LED posizionate al di sopra dei fanali anteriori.

L’abitacolo. Semplice e confortevole, è contraddistinto da inserti di color arancione che danno un quel non so che di sportivo (di solito, a dare questo effetto è il color rosso); molto ben impugnabile il volante a tre razze, dove si trovano i comandi della radio, del computer di bordo e del regolatore di velocità; non mancano i vani porta-oggetti che sono ben distribuiti (li troviamo nella consolle centrale, sul tunnel, nei pannelli delle portiere) mentre i sedili, riscaldabili, sono “belli duri”, di quelli che non “sprofondano” dopo due ore di seduta e, soprattutto, non procurano i soliti mal di schiena. In particolare nel caso di passeggeri di un certo peso.

Connessa e tecnologica. La nuova Hyundai KONA offre il massimo della connettività e una tecnologia di ultima generazione. Tre i sistemi multimediali tra cui poter scegliere: lo Standard Audio System, con schermo TFT da 5? con radio, connessione Bluetooth e ingresso USB; il nuovo Multimedia System, con touch-screen capacitivo da 7” che integra tutte le funzioni musicali e telefoniche e supporta l’utilizzo di Apple CarPlay e Android Auto, e retrocamera integrata; il touch-screen di ultima generazione da 8” che integra tutte le funzioni di navigazione ed infotainment (quello presente sulla nostra versione). Inoltre con Nuova Kona fa il suo esordio per la prima volta su una vettura Hyundai l’head-up display (HUD), che proietta le informazioni utili al livello dello sguardo del guidatore per una guida ancora più piacevole e sicura. Kona introduce, infine, anche il Sistema Audio Premium Krell ad 8 canali con subwoofer e amplificatore esterno da 360W che promette qualità sonore senza precedenti.

La versione da noi provata era il 1.6 T-GDI, quindi benzina, da 177 CV con tanto di quattro ruote motrici e di cambio automatico a 7 rapporti. Quest’ultimo, davvero una gran bella sorpresa: preciso negli innesti e molto reattivo, fa sempre la cosa giusta garantendo una buona ripresa ed un’interessante accelerazione. Peccato solo non ci siano le “farfalline” (o più comunemente i paddle) al volante perché avrebbero reso la nostra KOna ancor più divertente da guidare.

E a proposito di guida, si può scegliere fra le tre modalità Eco (quasi mai utilizzata), Comfort (utilizzata molto in città e nel traffico) e Sport, la nostra preferita, soprattutto quando c’è da pigiare sull’acceleratore o quando si devono affrontare dei percorsi sinuosi come, per esempio, sulla Milano Genova fra le belle curve della Serravalle. In quell’occasione c’era il terreno bagnato e la nostra Hyundai Kona ha tirato fuori il meglio di sé grazie ad un assetto molto disinvolto e a una frenata pronta, sicura e parecchio modulabile.

Lo sterzo è molto leggero, si adegua bene al tipo di vettura e garantisce precisione e progressività. L’impianto frenante da’ delle buone sensazioni così come il motore, molto vivace e, con un po’ di attenzione nel pigiare sull’acceleratore, anche non troppo impegnativo dal punto di vista dei consumi (tenendo conto soprattutto della presenza della trazione integrale).

Allestimento Style. L’allestimento era lo Style, il top di gamma, che rappresenta un concentrato di tecnologia e di funzionalità, grazie ad un buon sistema di infotainment, ad uno schermo di 8”, al navigatore satellitare e all’impianto stereo molto efficiente. Così com’è, questa Kona, parte da 27.050 euro ma, con qualche accessorio in più, può arrivare anche a 30.000 circa.

La scelta giusta, e probabilmente la più apprezzata dai clienti, è la versione che ospita sotto il cofano il piccolo ma potente tre cilindri 1.0 T-GDI da 120 CV (con consumi interessanti, pari a 5,2 l/100 km nel ciclo combinato) e trazione 2WD. Peccato che questo motore non sia abbinabile al cambio automatico ma solamente a quello manuale a sei rapporti. A suo favore c’è anche il listino, che va da 18.450 a 25.650 euro.

A metà 2018, l’offerta di motori si completerà con l’arrivo di un nuovo propulsore turbo-diesel Euro 6c da 1.6-litri 4 cilindri, declinato in due livelli di potenza: una versione da 115 CV con cambio manuale e trazione anteriore, e una più potente da 136 CV, trazione integrale (o anteriore) e cambio 7DCT. L’obiettivo della gamma, infine, sarà la commercializzazione della versione Full Electric che tanto interesse ha suscitato all’ultimo salone di Ginevra, soprattutto dal punto di vista dell’autonomia dichiarata dal costruttore: ben 500 km. Che, se fosse vero, sarebbe un vero e proprio record per un SUV del segmento B.

 

 

Leave a Comment