Amer 94, la regina degli yacht sostenibili

Il cantiere ligure vince il Boat Builder Awards al Metstrade di Amsterdam

di Carlo Zazzera

Conciliare le esigenze ambientali con quelle di chi ama i motori. È l’obiettivo degli addetti ai lavori per l’immediato futuro e soprattutto nel mondo della nautica l’impatto ambientale è uno degli aspetti più difficili da gestire. Per questo motivo il Metstrade di Amsterdam, salone nautico dedicato agli operatori del settore della componentistica e degli accessori per la nautica da diporto, ha istituito nell’ambito dei Boat Builder Awards, organizzati insieme alla rivista IBI, giunti alla quarta edizione e che riconoscono il successo individuale e di squadra all’interno delle imprese di produzione di imbarcazioni attraverso dieci categorie in differenti aree di business, la categoria Environmental Initiative.

  

Per il secondo anno consecutivo questa sezione è stata sponsorizzata da UCINA Confindustria Nautica. A vincere è stata Barbara Amerio di Amer Yachts con Amer 94, definito il “superyacht sostenibile”. “Sono onorata di consegnare questo premio a un’azienda italiana – ha spiegato Carla Demaria, presidente di Ucina –. Ciò dimostra ancora una volta il valore e l’eccellenza della nautica da diporto del nostro Paese”.

  

“L’Amer 94 è stato costruito fin dall’inizio per ridurre il suo impatto ambientale – ha illustrato Barbara Amerio –. Per questo motivo, siamo molto soddisfatti di aver ricevuto questo importante riconoscimento che premia il nostro lavoro”. Tra le caratteristiche di questo splendido yacht di oltre 28 metri (23,96 al galleggiamento), oltre alla scelta della motorizzazione (è il primo yacht motorizzato con due Volvo Penta IPS 1350), sono da segnalare i generatori a velocità variabile, l’utilizzo di sughero al posto del teak sui ponti e di una particolare pellicola adesiva al posto della tradizionale antivegetativa che, grazie alla durata di 4-5 anni, consente di evitare i costi annuali di trattamento. Il progetto può essere personalizzato negli interni realizzando da tre a cinque cabine per gli ospiti a bordo.

     

www.ameryachts.it

Leave a Comment