Alfa Romeo Tonale protagonista al Parco del Valentino 2019

Volete un buon motivo per andare a visitare il Salone dell’Auto di Torino al Parco Valentino (19/23 giugno)? Eccolo. Si chiama Alfa Romeo Tonale…Presso lo stand Alfa Romeo il pubblico potrà ammirare Alfa Romeo Tonale, il concept visto per la prima volta a Ginevra, che rappresenta l’elettrificazione secondo Alfa Romeo. Tonale è, infatti, il primo SUV compatto ibrido plug-in del marchio, che attraverso il linguaggio classico vuole riscrivere le regole del segmento in maggiore crescita, grazie all’unicità dello stile italiano e a un indiscutibile piacere di guida. Ci sarà anche una versione “Ti” che sta per “Turismo internazionale”, da sempre sinonimo delle Alfa Romeo più “cattivelle”. Durante la manifestazione sarà possibile vedere da vicino anche la monoposto di Formula 1 che nel campionato mondiale rappresenta i colori del team Alfa Romeo Racing e la Giulia Quadrifoglio nella nuova livrea ocra, protagonista della Parata dei Presidenti, in anteprima dinamica assoluta.

Alfa Romeo Tonale: davvero bella

Il design di Tonale è una sintesi tra l’anticipazione di canoni inediti e il prestigioso heritage: vi ricorrono, infatti, stilemi entrati nella storia in un insieme che definisce la nuova anatomia di Alfa Romeo. Sulla fiancata si avvicendano volumi pieni ed eleganti propri di vetture apparentemente lontane per generazione e tipologia, che richiamano le qualità cariche di fascino delle forme pure della Duetto o della Disco Volante Spider. L’anteriore ripropone l’inimitabile “Trilobo” e il distintivo “Scudetto” Alfa Romeo che funge da punto di forza centrale, indirizzando la velocità e la fluidità che pervadono Tonale. Ad accompagnare questo elemento e a completare la monografia sul frontale troviamo la fanaleria anteriore “3 più 3” che evoca lo sguardo fiero tipico di SZ e Brera. Il posteriore è impreziosito da un lunotto avvolgente e completato nella parte superiore dall’ala sospesa che ne esalta la continuità con il tetto trasparente.

Gli interni di Tonale

Sono concepiti in funzione del guidatore ma anche per ospitare comodamente i suoi passeggeri. La dotazione tecnologica è di ottimo livello, per assicurare un’esperienza connessa, comoda e dinamica, mantenendo al contempo il piacere di una guida sportiva. Il DNA di Tonale e le tre modalità di guida gestite da Alfa D. N. A. evolvono nel senso dell’energia, dell’armonia con l’ambiente e dell’efficienza. “Dynamic” diventa “Dual Power”, per il massimo output dal motore termico e da quello elettrico; “Natural” ottimizza la performance e la gestione dell’equilibrio tra i motori; “Advance E” gestisce le prestazioni in modalità completamente elettrica.

Per gli “alfisti” veri c’è anche la Stelvio Ti

Sullo stand al Parco del Valentino spazio anche a un esemplare dello Stelvio equipaggiato con il propulsore 2.0 Turbo benzina da 280 CV, abbinato al cambio automatico a 8 marce e alla trazione integrale Q4. Il motore è un 4 cilindri costruito interamente in alluminio e con l’albero di trasmissione in carbonio. Alfa Romeo Stelvio 2.0 Turbo benzina da 280 CV (coppia massima di 400 Nm a 2.250 giri/min) è best in class in termini di accelerazione: passa da 0 a 100 km/h in appena 5,7 secondi. La velocità massima è di 230 km/h. Il modello esposto si fregia della storica sigla Ti, “Turismo Internazionale”, da sempre sinonimo delle Alfa Romeo più accattivanti e tecnologiche, e i ricchi contenuti non potranno che soddisfare le aspettative più elevate.

Sono in carbonio, infine, la “V” del trilobo frontale e le calotte degli specchietti retrovisori. Virano sui toni del nero anche altri contenuti come i poderosi cerchi in lega da 20” in combinazione con le sportive pinze freno rosse, le cornici dei cristalli esterni in nero lucido così come i terminali di scarico, i badge “Stelvio” e “Q4” scuri e i vetri privacy.

 

 

Leave a Comment