Tuccoli T280, binomio perfetto con Suzuki

Varato a Punta Ala il primo modello con due fuoribordo DF300AP

di Carlo Zazzera

Nella splendida cornice di Punta Ala si è svolto il varo del primo Tuccoli T280 Fuoribordo, un modello e un evento che segnano un momento cruciale nella storia del famoso cantiere toscano. Il T280 è, infatti, uno scafo che ha fortemente contribuito al successo del brand – oggi guidato da Marco Tuccoli, figlio di Ivano, il fondatore, e da Paolo Sanguettola – molto accreditato soprattutto presso un pubblico particolarmente esigente, quello dei pescatori sportivi e, più in generale, da chi ricerca una barca, in questo caso un natante non immatricolato, in grado di affrontare il mare in sicurezza durante tutto l’anno, con qualsiasi condizione meteo marina.

La rivoluzione del fuoribordo

La forza del marchio e dunque anche del Tuccoli T280 Fuoribordo, sta quindi nelle carene delle proprie barche, caratterizzate da linee d’acqua a V profonda a prua, che si aprono verso poppa con angoli più moderati per esprimere anche ottime velocità. La rivoluzione introdotta sul nuovo Tuccoli T280 Fuoribordo, primo modello di medie dimensioni, realizzato per la nuova gamma, sta nell’inedita adozione di un sistema propulsivo fuoribordo in luogo delle più tradizionali linee d’asse, una soluzione che porta con sé una serie di vantaggi: maggiore semplicità d’installazione, maggiore semplicità nella manutenzione, maggiore spazio all’interno della barca, maggiore facilità nell’uso e un costo d’acquisto sicuramente inferiore.

Le prestazioni

Aumentano così le già ottime prestazioni con velocità massima anche di oltre 45 nodi e velocità di crociera di 25/27 nodi con consumi ridotti a 53/56 lt/h totali, grazie all’efficienza della carena e dei motori. Inoltre il natante è caratterizzato da un’ottima stabilità, molto apprezzata sia per la pesca sportiva sia per il diporto. Ciò che amplifica tali aspetti migliorativi è indubbiamente la scelta di dotare il Tuccoli T280 Fuoribordo, il primo esemplare varato, di due Suzuki DF300AP: una scelta di potenza intermedia fra le opzioni suggerite dal cantiere che vanno da 2×200 a 2×350 HP.

 

Il nuovo progetto del T280

Sul Tuccoli T280 Fuoribordo i due Suzuki DF300AP sono stati installati su un bracket poppiero, la novità sostanziale del modello, che di fatto allunga l’opera viva della barca, portando vantaggi anche in termini di distribuzione dei pesi, abbassamento de baricentro e mettendo i due fuoribordo nella condizione di esprimere tutta la loro efficienza in termini di spinta, grazie alle innovative eliche Watergrip di cui sono dotati, e di idrodinamica, per via dei piedi realizzati a seguito dei più avanzati studi di fluidodinamica. Il Tuccoli T280 Fuoribordo, in questa nuova configurazione fuoribordo diviene una buona alternativa anche per tutti quei pescatori sportivi abituati a cercare la loro barche nel mercato dei fisherman d’oltre Oceano, proponendo qualità costruttive e progettuali della migliore nautica artigianale made in Italy.

Leave a Comment