Mahindra: alla conquista dell’Europa

La Casa indiana rinnova i suoi prodotti per cercare di conquistare lo spazio che merita sul mercato europeo.

Mahindra rinnova il best seller KUV 100 (1.200 unità vendute in Italia in un anno) e il massiccio 7 posti XUV 500 (da lancio ad oggi, 2.000 pezzi). Certo, sono numeri di nicchia ma la storia automobilistica insegna che si inizia a piccoli passi per poi imporsi definitivamente. Come successe, per esempio, 40 anni fa quando, dalla corea, sbarcarono due brand accolti con molte perplessità ma che oggi se la vedono con chiunque grazie a design azzeccati e a tecnologie all’avanguardia. E visto il potenziale dell’azienda Mahindra (è presente in 100 Paesi, opera in ben 22 settori di business ed ha un fatturato di 20,7 miliardi di dollari, di cui il 39% proviene dal settore automobilistico), c’è da aspettarsi che la storia si ripeta.

Senza dimenticare che Mahindra detiene anche il pacchetto di maggioranza delle quote azionarie in Pininfarina, SsangYong Motor Company e Peugeot Scooters ed è molto attiva nel motorsport, soprattutto nel campionato di Formula E dove è presente da 5 anni e, al momento in cui scriviamo, ha ottenuto 4 vittorie.

La sfida

Laddove vedete scritto Mahindra, ci sarà sempre la parola “Rise”. Che, tradotta in italiano, significa “sfida”. Già, perché quella della casa indiana, è assolutamente un’enorme sfida perché scontarsi con la concorrenza è davvero difficile e impegnativo. Tuttavia, forte di un know how consistente (da oltre 70 anni produce SUV in India) e di enormi possibilità economiche (ha 55 stabilimenti e 11 centri di ricerca & sviluppo sparsi nel mondo), le prospettive sono più che buone

L’obiettivo europeo

L’obiettivo di Mahindra nel nostro continente è quello di continuare il processo di crescita iniziato lo scorso 2018, con l’introduzione di almeno un nuovo modello all’anno nell’arco di un quinquennio. Per queste ragioni i prossimi obiettivi commerciali davvero sfidanti. Si vuole arrivare a 6.000 veicoli venduti nel 2022, attraverso un ulteriore ampliamento della gamma, che sarà composta da quattro modelli SUV e un pick-up. Il cammino è già iniziato, dato che Mahindra in Europa ha venduto il 47% in più rispetto all’anno precedente, grazie soprattutto all’Italia. In Italia, il mercato europeo più importante per Mahindra assieme a quello spagnolo, si presenta con l’aggiornamento di due modelli di successo: il crossover KUV 100 e il 7 posti XUV 500.

KUV 100: è (quasi) tutto nuovo.

Lungo 3,7 metri, design accattivante e grintoso. Posizione di guida alta. Abitacolo spazioso con 5 posti reali. Motore 3 cilindri a benzina mFalcon G80, 1.2 litri MPFi con doppia fasatura variabile VVT, Euro 6c, in grado di erogare 87 cavalli a 5.500 giri/minuto con coppia massima costante di 115 Nm da 3.500 a 4.800 giri/minuto. Trazione anteriore. Pratica leva del cambio manuale a joystick. Due gli allestimenti: K6+ e K8, quest’ultimo arricchito ulteriormente con molti contenuti, per ampliare la differenza tra le due opzioni. Due gli allestimenti disponibili: K6 e K8. Prezzi di lancio a partire da 19.900 euro.

KUV100 piace a tutti, con una leggera prevalenza per il pubblico femminile (54%), con un’età media di 45 anni e una provenienza geografica maggiore nel nord Italia (43%). L’obiettivo dei prossimi dodici mesi è quello di aumentare ancora il numero di KUV100 immatricolati e di ampliare la fascia di età dei potenziali acquirenti. Seconda auto di famiglia, auto casa-lavoro, auto per single, prima automobile per neopatentati, auto per lei.

XUV 500: quando la comodità è di serie

E’ stato il primo veicolo Mahindra a scocca portante e il suo look da “muscle car” denota sicurezza e solidità. I 7 posti veri (suddivisi in tre file di sedili anatomici), comfort e spaziosità nell’abitacolo sono il suo punto di forza. Tante le modifiche apportate a livello estetico, a cominciare dal frontale con la nuova mascherina e le luci diurne a led, per arrivare nella parte posteriore, dove troviamo il nuovo portellone, il nuovo paraurti e i gruppi ottici sdoppiati. Gli interni premium trasmettono subito l’idea di qualità superiore e attenzione ai dettagli, per questo SUV a vocazione globale.

La modifica più importante di questa terza generazione è il motore: si tratta di un diesel 2.2 litri da 140 vacalli e 330 Nm di coppia massima. XUV500 mantiene, come da tradizione del modello, una ricca dotazione di serie: le versioni W8 e W10 montano un grande display da 7” touch screen con infotainment, navigatore, Android Auto e telecamera posteriore. Su tutte le versioni sono di serie l’IntelliPark-assistenza al parcheggio con sensori posteriori, i fari aggiuntivi per la visione laterale in curva, il DIS (Driver Information System), il dispositivo Tyre-Tronics (monitoraggio pressione pneumatici), il sistema audio integrato MP3, iPod® e presa USB, la tecnologia audio ArkamysTM, la connessione Bluetooth, il vano climatizzato nella consolle centrale e il doppio sistema di climatizzazione a zone per avere la massima efficienza anche nella terza fila di sedili. Il quadro strumenti è di tipo sportivo, a doppio vano concavo con elementi 3D.

L’offerta italiana

I prezzi di lancio partono da 21.250 euro per la versione a due ruote motrici e da 23.900 per quella a trazione integrale. Tre sono gli allestimenti: W6, W8, W10, con diverse tipologie di contenuti, con trazione anteriore o integrale, per un totale di sei versioni disponibili.

La nuova gamma colori comprende tre nuove tinte. Tutti i modelli Mahindra XUV500 distribuiti sul mercato europeo sono garantiti per 5 anni o 100.000 chilometri, con assistenza stradale per 5 anni.

 

 

Leave a Comment