ID.3: la produzione inizierà a novembre nella fabbrica di Zwickau

Il conto alla rovescia procede: a novembre, la produzione di serie della ID.3 inizierà nella fabbrica di Zwickau. In questi giorni, vengono installati gli ultimi robot e avviata la linea di assemblaggio. La ID.3 è il primo modello di una generazione completamente nuova di auto elettriche basate sulla piattaforma modulare elettrica della Volkswagen (MEB).La ID.3 ha debuttato in anteprima mondiale al Salone di Francoforte, inaugurato ieri 12 settembre. Le prime vetture verranno consegnate ai clienti la prossima estate. Con la ID.3, la Volkswagen lancia la più grande offensiva elettrica dell’industria automobilistica a livello globale. Solo nei prossimi tre anni, è previsto l’avvio della produzione di 33 modelli MEB delle Marche di grande serie del Gruppo Volkswagen.

La produzione di pre-serie della ID.3 a Zwickau

“L’avvio della produzione della ID.3 a novembre aprirà una nuova era per la Volkswagen, come è stato con il Maggiolino e la Golf. La nostra conversione procede secondo i tempi stabiliti. I primi 400 esemplari di pre-serie della ID.3 stanno già effettuando test su strada in tutta Europa. Con la ID.3, Zwickau diventerà un sito pionieristico per la mobilità elettrica”, dichiara Thomas Ulbrich, Membro del Consiglio d’Amministrazione della marca Volkswagen Responsabile per la Mobilità Elettrica.

La conversione dello stabilimento di Zwickau

A Zwickau, per la prima volta la Volkswagen sta convertendo l’intero stabilimento dal 100% della produzione di auto a combustione interna al 100% di auto elettriche.

Il passaggio all’elettrico è stato avviato a inizio 2018 e sarà completato a fine 2020, un totale di circa tre anni. I reparti carrozzeria e verniciatura sono già stati in buona parte preparati per la produzione della ID.3.

Una delle due linee di assemblaggio è già stata completata. Qui, a novembre la produzione della ID.3 inizierà per andare a regime progressivamente. Un totale di 12 nuovi edifici o parti di edifici sono attualmente in costruzione nello stabilimento. Il precedente reparto presse è stato già ampliato e preparato per la nuova era con un investimento totale di 75 milioni di Euro. Questo permetterà allo stabilimento di Zwickau di produrre internamente tutti gli elementi principali dei veicoli MEB dal 2021.

La seconda linea di assemblaggio di Zwickau verrà modificata a partire dall’estate 2020 ed entrerà in funzione lo stesso anno. Al termine dei lavori, dal 2021 sei modelli basati sulla MEB di tre Marche del Gruppo saranno prodotti a Zwickau. La capacità produttiva aumenterà da

300.000 a 330.000 veicoli l’anno. Ciò renderà Zwickau la fabbrica di auto elettriche più grande e più efficiente in Europa. In totale, la Volkswagen sta investendo circa 1,2 miliardi di Euro nella trasformazione di questo stabilimento. A oggi, gli investimenti già effettuati ammontano a circa 800 milioni di Euro.

Verso una fabbrica ad alta tecnologia

Negli scorsi mesi, oltre 1.600 avanzatissimi robot di produzione sono stati installati. In particolare nell’assemblaggio finale, verranno utilizzate tecnologie completamente nuove, come l’installazione automatizzata del rivestimento interno del tetto. In futuro, Zwickau sarà in grado di produrre circa 150 auto al giorno in più (1.500 invece di 1.350) rispetto a prima della trasformazione, grazie alla maggiore automazione. I numero di lavoratori impiegati, invece, rimarrà pressoché stabile.

A Zwickau, in totale 8.000 lavoratori si stanno preparando per l’inizio dell’era elettrica. Grazie a una formazione specifica per l’alto voltaggio, stanno imparando come maneggiare correttamente e in sicurezza i moderni sistemi di batterie e i cablaggi elettrici. A oggi, circa 8.000 dei 13.000 giorni totali di formazione sono già stati fatti. Oltre 2.500 lavoratori sono già qualificati per la mobilità elettrica.

Leave a Comment