FCA – PSA: questo matrimonio s’ha da fare

Ormai c’è (quasi) l’annuncio ufficiale: i due colossi si uniranno per dar vita ad un gruppo del valore di oltre 50 miliardi. Curiosità: come si chiamerà?Chi l’avrebbe mai detto? Forse solo un certo Sergio Marchionne che, nelle grandi alleanze, ci ha sempre creduto. Così, dopo rumours, incontri segreti, annunci e smentite, ecco arrivare l’annuncio ufficiale da parte di FCA e Groupe PSA: il nuovo gruppo sarà il quarto al mondo in termini di autovetture vendute (insieme, quasi 9 milioni di unità), avrà ricavi congiunti di oltre 170 miliardi di euro e un utile operativo di circa 11,5 miliardi. Il quartiere generale sarà, probabilmente, in Olanda mentre le cariche saranno così distribuite: Carlos Tavares, attualmente numero uno di PSA, sarà l’amministratore delegato mentre John Elkann sarà Presidente. E il consiglio di amministrazione? Sarà composto di 11 persone: 6 da parte di PSA (Tavares compreso), 5 da parte di FCA (Elkann compreso).

“Sono molto contento di poter lavorare con Carlos Tavares – ha dichiarato il CEO di FCA Mike Manley – insieme potremmo diventare una società leader nella mobilità mondiale”.

“Questa fusione è una grandissima possibilità per tutti noi – ha spiegato Carlos Tavares – Sono convinto che con Mike costruiremo un grande gruppo”.

L’annuncio dell’operazione è stato premiato dai mercati tanto che ieri Fca ha chiuso con un balzo del 9,53%, sui massimi da aprile. In rialzo anche Exor (+4,6%) mentre Psa ha guadagnato il 4,53%. L’avvicinamento fra FCA e PSA è iniziato la scorsa estate, dopo la trattativa fallita con Renault, andata in fumo lo scorso giugno per la “mancanza di condizioni politiche” in Francia. Ora, anche dal punto di vista politico (si ricorda che lo stato francese detiene il 12% dei Groupe PSA), il clima sembra cambiato.

Il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire, infatti, ha manifestato già nella giornata di mercoledì l’apertura del governo francese, sottolineando che vigilerà su occupazione, governance e siti industriali: “Questa operazione offrirà ai due gruppi le dimensioni necessarie diventare protagonisti assoluti nel settore dell’auto, soprattutto nel campo dei motori elettrici e della guida autonoma”.

 

 

Leave a Comment