ACI al Giro d’Italia con l’#rispettiamoci

Sulle strade si continua a morire in bici. Ogni settimana si contano 327 incidenti con le biciclette, per un totale di 5 morti e 346 feriti. Proprio al Giro d’Italia, ACI lancia la campagna #rispettiamoci…

… campagna che è condivisa con la Federazione Ciclistica Italiana e il Comitato nazionale per la sicurezza stradale, che porta automobilisti e ciclisti a condividere 10 regole per la mobilità sicura, equamente divise tra due e quattro ruote.

Gli automobilisti sono chiamati a:

1) Rispettare i ciclisti, utenti della strada vulnerabili.

2) Mantenere una distanza adeguata dai ciclisti, soprattutto in sorpasso.

3) Non superare una bicicletta per poi svoltare a destra.

4) Prestare attenzione agli specchietti laterali.

5) Prima di aprire lo sportello, guardare chi sopraggiunge.

 

I ciclisti si impegnano a:

1) Controllare lo stato e l’efficienza della bici.

2) Rendersi sempre visibile, soprattutto di notte.

3) Rispettare le regole della strada, procedendo in fila e magari nelle corsie riservate.

4) Non usare auricolari o cellulari in sella.

5) Indossare il casco e vestirsi in modo adeguato.

Migliaia di appassionati nelle prime nove tappe del Giro hanno sostenuto sui social la campagna dell’Automobile Club d’Italia con l’hashtag #rispettiamoci, attaccando sugli specchietti delle proprie auto gli adesivi di ACI per richiamare l’attenzione sui ciclisti durante la guida.

Anche i corridori sono protagonisti e in tanti hanno pubblicato un selfie con il cartello #rispettiamoci, a cominciare dalla maglia rosa, Valerio Conti, e dal primo italiano vincitore di tappa quest’anno, Fausto Masnada, oltre al beniamino dei tifosi, Vincenzo Nibali. Stesso entusiasmo tra campioni del ciclismo come Francesco Moser, Davide Cassani, Paolo Bettini, Gianni Bugno, Alessandro Ballan, Maurizio Fondriest, Moreno Argentin e Vittorio Adorni, consensi pure tra altre stelle sportive, come Giancarlo Fisichella, Alberto Tomba e Valentina Vezzali. Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha condiviso con ACI il valore sociale della campagna in occasione della partenza della tappa Frascati – Terracina.

Su ogni traguardo del Giro, il pubblico si è emozionato con la sfilata delle quattro auto d’epoca (Lancia Aurelia B24 Convertibile del 1957, Fiat 135 A Spider Dino del 1967, Alfa Romeo Giulia Spider 1600 del 1964 e Lancia Flaminia Touring GT del 1961) portate alla corsa rosa da ACI Storico, con il supporto di ACI Global.

Puntando sulla mobilità sostenibile, l’Automobile Club d’Italia è inoltre protagonista al Giro E, con la consegna quotidiana della maglia rossa ACI al miglior sprinter nella corsa di biciclette elettriche che accompagna il Giro.

 

Leave a Comment